News * 24/09/2019
Saturdays for Future: il 28 settembre 2019 il cash mob per lo sviluppo sostenibile

Organizzata da NeXt e ASviS, l’iniziativa punta a richiamare consumatori, produttori, governanti e media sull'importanza della produzione e del consumo responsabili

Contribuire allo sviluppo sostenibile? Il processo parte da azioni comuni, come quello della spesa settimanale da parte delle famiglie. È questo il paradigma alla base del Saturdays for Future, la mobilitazione nazionale organizzata per il prossimo 28 settembre da NeXt e dall’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile (ASviS). L’evento, lanciato lo scorso giugno da Enrico Giovannini (portavoce dell’ASviS) e Leonardo Becchetti (presidente del comitato scientifico di NeXt) con una lettera aperta sull’Avvenire, si richiama espressamente ai “Fridays for future”, gli scioperi studenteschi che da mesi continuano a unire i giovani di tutto il mondo sul tema del cambiamento climatico.

Cambiare le abitudini dei consumatori

“Se il sabato – domandano nella loro missiva Giovannini e Becchetti – il giorno successivo alla mobilitazione, quando oltre la metà delle persone fa abitualmente la spesa settimanale, si trasformasse per tutti nel giorno del 'voto con il portafoglio' a favore della sostenibilità ambientale e sociale?”. L’idea delle due associazioni è quella di realizzare un “cash mob” che, attraverso il cambiamento delle abitudini di spesa dei consumatori, coinvolga tutti i settori della catena economica in un impegno concreto per uno sviluppo sostenibile in linea con il Goal 12 dell’Agenda 2030, sottoscritta nel 2015 da 193 Paesi dell'Onu, incluso il nostro.

Evitare sprechi e favorire il riciclo per essere sostenibili

“Consumare in modo consapevole e responsabile – ha dichiarato Giovannini - significa, in primo luogo, evitare lo spreco, ridurre al minimo i rifiuti, riciclare e scegliere in modo responsabile i prodotti che si acquistano, guardando alla sostenibilità del nostro modello di sviluppo”. Per il portavoce dell’ASvis: “Il cambio di abitudini potrà innescare un processo virtuoso, incidere positivamente sui modelli di produzione e rendere le aziende più responsabili e più sostenibili, non solo sul piano ambientale ma anche su quello sociale, in primo luogo verso i propri dipendenti”.

L'hashtag è #SaturdaysforFuture

In occasione della manifestazione è stato attivato un sito internet specifico (www.saturdaysforfuture.it) sul quale è possibile avere ogni genere di informazione sull’iniziativa e prender parte attivamente alla mobilitazione con la proposta di eventi su tutto il territorio nazionale. L’appello di AsviS e NeXt è rivolto in primo luogo ai consumatori, ma anche alle decine di organizzazioni aderenti alle rispettive reti, ai docenti, alle associazioni dei consumatori, agli imprenditori, ai distributori e ai media nazionali. Sarà possibile partecipare alla campagna di sensibilizzazione social con l’hashtag #SaturdaysforFuture.