News * 01/08/2017
Conferire i piccoli RAEE al supermercato? A Milano si può!

È partita solo a metà dello scorso mese di giugno ma ha già raggiunto ottimi risultati, con più di 360 kg di RAEE. Questi i primi incoraggianti dati relativi alla raccolta sperimentale dei piccoli RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) avviata da Ecodom, Amsa e COOP Lombardia a Milano presso due punti vendita COOP, in via Palmanova e nel centro La Torre di via Gozzoli.


L’iniziativa fa parte del progetto europeo CRM (Critical Raw Material) CLOSED LOOP RECOVERY, finalizzato a incrementare il tasso di recupero delle materie prime critiche dai RAEE, promosso da WRAP con il contributo LIFE della Comunità Europea e la partnership di Ecodom.

Grazie ad appositi cassonetti progettati per facilitare questo tipo di raccolta, i cittadini milanesi possono disfarsi, fino a dicembre 2017, di prodotti giunti a fine vita quali cellulari, smartphone, videogiochi, tablet, videocamere, decoder, taglia-capelli, asciugacapelli, telecomandi, lettori cd e dvd, net-book, ferri da stiro, telefoni, tastiere per computer, caricabatterie, cavi elettrici, lettori mp3, mouse orologi digitali, radio, trasformatori, torce elettriche.

Rispetto a simili iniziative sviluppate all’interno del progetto coordinato da WRAP in altri Paesi europei (quali ad esempio Inghilterra e Germania), l’esperienza italiana evidenzia una più attiva risposta dei cittadini, confermata dai rilevanti quantitativi raccolti sino ad ora: 241 kg presso il centro La Torre e 125 kg presso via Palmanova.

I cassonetti pieni vengono ritirati da STENA Technoworld, che porta i RAEE ai più avanzati impianti italiani,   che utilizzano innovative tecnologie di trattamento per incrementare il recupero di materiali critici quali oro, argento, cobalto, grafite e platino.

“Siamo davvero soddisfatti – dichiara Alfredo De Bellis, vice Presidente COOP Lombardia – del riscontro che sta ottenendo l’iniziativa e dell’interesse suscitato nei confronti dei cittadini, alla ricerca, anche attraverso il nostro canale social, di informazioni sulle corrette modalità di conferimento dei piccoli RAEE grazie alla presenza degli appositi cassonetti e di personale di accoglienza. Il progetto sperimentale sta ottenendo ottimi risultati anche grazie all’efficienza logistica del servizio, con il ritiro dei rifiuti raccolti entro 24 ore dalla segnalazione del punto vendita. 

Ci fa particolarmente piacere constatare – prosegue De Bellis – come i punti vendita COOP siano diventati per i cittadini punti di riferimento proprio perché luoghi di prossimità in grado di favorire e facilitare il conferimento di questi rifiuti, spesso dimenticati nei cassetti di casa o gettati nella raccolta indifferenziata. La campagna di informazione e sensibilizzazione verso i nostri clienti per il recupero dei metalli preziosi contenuti nei rifiuti elettronici sta permettendo a COOP Lombardia di affrontare un tema ambientale di primaria importanza, in linea con la propria mission aziendale e con i principi cooperativi”.